rV: dalla Lucania a controllo della Via Appia

Questo cammino permette di raggiungere la Corona di Pietra partendo dal lucano Castello di Monteserico posto frontalmente al Garagnone, entrambi erano posti a controllo dell'antica strada romana, la Via Appia, una tra le più importanti per il commercio ed il pellegrinaggio.

Castello di Monteserico
Castello di Monteserico

Il solitario castello di Federico, da li su un panorama vastissimo, di fronte il confine della Murgia, con il suo Garagnone, a sud-est il Lago Basentello e alle spalle del Castello, gli Appennini.

Il Castello fu uno dei capisaldi della struttura amministrativa del Demanio Regio di Federico II, organizzato per l’allevamento dei cavalli e la produzione di granaglie.da qualunque cultura e religione.

Lunghezza 25 km
Livello E
Dislivello +483 / -431 m
Tempo percorrenza 6 h (soste incluse)
Fondo stradale misto
Castello del Garagnone
Castello del Garagnone

Lungo il percorso il sito neolitico Grottelline, qui si ha la sensazione di rivivere nel passato. Dal Neolitico all'Impero Romano, da qui passava il tratto Venosa - Gravina della Via Appia. Infine la vetta del Garagnone, definito castello invisibile, (perchè abilmente costruito su di uno sperone roccioso e da materiali provenienti dall'altura) lo sguardo spazia per chilometri nella variopinta Fossa BradanicaSi continua rimanendo sul gradone delle Murge per raggiungere un suggestivo e raro paesaggio rosa, le Cave di Bauxite.

Lunghezza 35 km
Livello E
Dislivello +739 / -657 m
Tempo percorrenza 8 h (soste incluse)
Fondo stradale 90% sterrato
Castel del Monte
Castel del Monte

Dopo aver lasciato alle nostre spalle il Bosco Acquatetta, eccolo che appare sullo sfondo! Affascinante e misterioso.

La Corona di Pietra dalla forma ottagonale..

Isolato su un’altura delle Murge, da dove si domina un panorama vastissimo. 

L'unico documento in cui si parla del castello è una lettera inviata da Gubbio, nel gennaio 1240, dall'imperatore svevo Federico II al giustiziere di Capitanata, Riccardo di Montefuscolo, ci parla di lavori di copertura da eseguire in relazione al «castro quod apud Sanctam Mariam de Monte»

 



E' POSSIBILE PARTECIPARE ANCHE AD UNA SINGOLA TAPPA DEL CAMMINO

OCCORRENTE E ZAINO:

Acqua almeno 1,5 l insieme alla colazione; calzettoni di ricambio; maglia di ricambio

Consigliabile indossare abbigliamento adatto a escursionismo: scarpe da trekking possibilmente idrorepellenti e pantaloni lunghi in tessuto tecnico. Maglia leggera e micropile più giacca a vento e antipioggia. Cappello in pile.

L'ESCURSIONE GUIDATA E' RISERVATA AI SOCI

15 € Quota Iscrizione e Assicurazione per i non Tesserati

(comprensiva di affiliazione UISP)

Ogni nuovo tesserato riceverà in omaggio con la tessera la maglia dei Cammini Federiciani

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti